Eccellente Poltrona Letto Galliera

Eccellente Poltrona Letto Galliera
Poltrona Letto Galliera - Eccellente Poltrona Letto Galliera - Soycafenyc

Eccellente Poltrona Letto Galliera - Anche dopo la morte della duchessa la stampa sapeva (giugno 1889) "che la splendida villa brignole sale di voltri rimarrà aperta al pubblico all'interno della 2a festa di compleanno di pentecoste da un'ora a 5". Una villa che è stata presa molto in considerazione, molto per far sì che anche più tardi, nel 1898, il cittadino avvertisse che la villa diventasse aperta al pubblico in aggiunta, inoltre, può anche trentadue volte "dalle 13 alle 17 tranne l'elemento riservato per il signor filippo de ferrari ".

A sinistra del vestibolo - chiuso con l'aiuto delle finestre di casa - c'erano state alcune stanze del condominio riservato alla duchessa, un piccolo soggiorno con una consolle di marmo giallo, molti dipinti (scatti di pio vii, il duca e duchessa) istantanee di suo figlio filippo, un autografo di pio ix che autorizzò a celebrare la messa nella cappella della villa e infine il consistente materasso del duca. Inoltre una sella, usata da vittorio emanuele iii mentre, tuttavia un bambino, cavalcava un asino tra i viali della villa.

C'è una stanza di conversazione dopo la quale la salle à manger è inclusa con conchiglie che la rendono speciale. Davvero è stato tutto un luccichio grazie alle candele all'interno del lampadario che l'hanno illuminato e reso misterioso, misterioso come la successiva scomparsa del lampadario. Alle pareti ci sono opere d'arte e marmi attraverso giuseppe canepa di voltrese, e una piccola grotta e un cigno e una lupa di marmo sui bordi che vediamo nella foto pubblicata sul quotidiano il lavoro in maggio 1927, statue di prima qualità che sono stati successivamente trasferiti a palazzo rosso.

Nella parte posteriore della villa c'è il parco con 18 chilometri di sentieri circondati con l'aiuto di legname piano, olmo molto bene, pioppi, cipressi, legname di frassino, pini, braccia ed eucalipti. Un parco che è stato deforestato a un certo punto del primo conflitto globale tagliando anche alcuni olmi centenari e più tardi lo stesso abbandono ha creato una vegetazione diversa per i desideri dell'opera pia. Nel 2018 fu il furioso tifone che colpì voltri il 29 ottobre che tagliò alcuni cipressi storici. Ma in più questa volta la villa e il suo parco rinasceranno, grazie anche al lavoro dei volontari che si sono attivati ​​direttamente per consentire loro di essere aperti al pubblico la primavera successiva.

Vedi Anche Altre Idee...

Digita Nel Campo Sottostante e Premi Invio / Ritorna per Cercare