Minimalista Poltrona Barcellona Descrizione

Minimalista Poltrona Barcellona Descrizione
Poltrona Barcellona Descrizione - Minimalista Poltrona Barcellona Descrizione - Soycafenyc

Minimalista Poltrona Barcellona Descrizione - La base del padiglione, progettato per essere un podio, esaltava la classica foto di un tempio romano, con il suo sviluppo orizzontale e il tetto piatto, oltre che l'asimmetria delle pareti libere sotto il tetto - lastre di marmo e vetro che sembravano scorrere uno nella parte posteriore del contrario, sotto e oltre il tetto, facendo crescere un movimento che si è trasformato in qualcosa di comunque convenzionale. Il viaggiatore dovrebbe regolarmente vedere una terrazza di travertino e una grande piscina riflettente, rivestita di vetro inesperto. Una volta su per la scala, ma, il suo interesse si mutò in ulteriore interesse per il giusto, in cui poteva vedere un'area interna sotto il tetto, certamente visibile comunque chiusa attraverso una parete di vetro trasparente. Ottenere l'ammissione per l'interno richiesto un centottanta ° turno al proprio. Appena entrato, notò, nel mezzo di un'asimmetria dominante, un elemento di improvvisa regolarità: davanti allo storico muro inesperto che conduceva all'interno, una fila di sottili colonne metalliche cromate con sezioni x, equidistanti l'una dall'altra. Andando oltre nell'area protetta, ci si trovava in un'area importante governata da un singolo elemento: un muro isolato alto circa 3 metri e lungo circa 5 metri e mezzo fabbricato da un incredibile marmo non comune, il cosiddetto onice dorato con venature che passavano dall'oro nero all'oro bianco. Nella parte anteriore dell'onice si trasformò in una scrivania sulla quale si posizionavano il libro e l'oro del re e sulla destra una coppia di poltrone dalla forma metallica disposte lateralmente attraverso le faccette, con cuscini quadrati in bianco giovanotto. Di conseguenza, all'impatto fisico di uno spazio che scorreva liberamente, è emersa la percezione di un colore ricco, di superfici opulente e del gioco di riflessioni strabilianti posticipato dal marmo e dal vetro lucido. Attraverso il muro della bottiglia inesperto sul retro delle sedie dovrebbe vedere una statua di bronzo di una donna in piedi (la statua, sera per mezzo dello scultore georg kolbe, l'attuale giorno di mies), dopo una seconda pozza, più piccola del prima, protetto in vetro nero. Il muro di marmo di tinian, che racchiudeva la piscina, sporgeva oltre il tetto; seguendo questo muro, il vacanziere ha ricominciato la strada, da dove potrebbe voler reinserire l'area primaria, o dovrebbe senza dubbio uscire seguendo il corso del giardino e salire una scala più vicina al villaggio spagnolo.

Vedi Anche Altre Idee...

Digita Nel Campo Sottostante e Premi Invio / Ritorna per Cercare