Premio Maison Du Monde Poltrona Santiago

Premio Maison Du Monde Poltrona Santiago
Maison Du Monde Poltrona Santiago - Premio Maison Du Monde Poltrona Santiago - Soycafenyc

Premio Maison Du Monde Poltrona Santiago - Avec leurs luceses et accueillantes e un goût claire contemporain, fauteuils et les canapés santiago jouent sur des proportions insolites pour créer une présence visuelle particulière, suivant le factor d'statement. Sur le côté, l'audieir semble petit et de forma asymétrique, in contrasto con il dossier, haut et triangulaire. Vus de face, quindi le tartine che fanno la differenza su una burocrazia arrondata, proprio qui flottante ensemble, sospesa su una struttura eccellente in un tubo laico o sui pieds en frêne teinté noyer clair. Un pouf est disponible en complément.

Dopo aver estratto le cosiddette sostanze nobili della serie come coerenti e robuste come articolazioni (1970-1980), water landscapes (1981-1986) e discovery of the us (1986-1989), le ha divise in missione su altri percorsi e ha iniziato a serie di lavori respiratori (1995-2002) realizzati in tela e aria. Trasformare lo spazio architettonico tra il set up e il minimalismo in se stesso fa uso del gioco d'azzardo con la precarietà della vita, evocando la cornice, l'insistenza di impulsi, stili di vita e morte.

In "ceneri in cenere" (2002, casa de américas, madrid), pablo reinoso ha insistito sulle sue riflessioni puntuali, sulla fragilità della certezza e sulla natura dell'ordine installato e ha intrapreso un incarico diviso per interromperlo dalle loro caratteristiche. In questo modo, si è consegnato alla questione della perdita e di un impulso. Costruendo in questa ottica, ma guadagnando grandi soddisfazioni nelle principali società e registi e designer inventivi nel periodo intermedio, ha poi lanciato una catena in cui mette in luce un'icona del design industriale, la sedia thonet (dal 2004) . Mentre mette questo oggetto utile e paradigmatico al centro del lavoro, che toglie la sua stessa funzione - ciò che gli ha dato una causa e una ragione per esistere. Ha avanzato composizioni complesse che si sono confrontate umoristicamente e beffardamente con la mancanza e l'impotenza fondamentale dell'essere umano.

Uno scultore con l'aiuto dell'educazione ma fondamentalmente un artista naturale e semplice, pablo reinoso ha praticato la sua arte in varie forme quando si considera la sua prima giovinezza. Ha realizzato la sua prima scultura all'età di quindici anni e la sua prima "scultura da banco" all'età di 15 anni, ma si era già fatto le sedie da solo mentre si trasformava in 6 e aveva inventato i carrelli per sfrecciare giù per le pendici di plaza. Francia a buenos aires .

Vedi Anche Altre Idee...

Digita Nel Campo Sottostante e Premi Invio / Ritorna per Cercare